SHARE

Il linguaggio della seduzione

La seduzione ha sempre rappresentato uno di quei argomenti che interessavano sia gli uomini, che le donne. Entrambi i sessi sono interessati ad apprendere l’arte della seduzione, imparando anche come leggere i linguaggi del corpo, come apportarsi all’altra persone per suscitare attrazione e fascino. Gli uomini e le donne sono molto diversi per quanto concerne l’arte della seduzione: entrambi utilizzano segnali diversi per sedurre il partner. Inoltre i loro modi di approcciare sono cambiati (o meglio dire: evoluti) nel tempo. Tanto che oggi vengono utilizzate delle tecniche completamente diverse per sedurre. Prima ancora di sedurre, però, è necessario che gli uomini e le donne imparino a padroneggiare correttamente il proprio corpo, inviando i segnali giusti al partner. Senza conoscere quali sono i segnali seduttivi prettamente maschili e quali, invece, sono quelli femminili, non si può di certo sperare nel buon risultato della seduzione. Qui di seguito è possibile trovare una lista completa dei principali linguaggi del corpo maschili e femminili, per capire come interpretarli e come apportarsi agli stessi.

Parlando dei linguaggi del corpo maschile, non si possono di certo tralasciare gli occhi. Gli occhi sono sicuramente lo specchio dell’anima e in un uomo possono “suggerire” molto: attrazione fisica, amore, sentimento, rabbia, dolore, neutralità e ancor altro. Una donna che guarda negli occhi l’uomo che ha di fronte può intuitivamente comprendere le emozioni di quest’ultimo. Anche le pupille comunicano molto: se queste si dilatano, significa che la persona prova molta attrazione fisica. Se si restringono è perché l’interesse sta diminuendo. Sembra che questo sia un segnale del corpo universale: valido sia per gli uomini che per le donne. Esiste anche un altro segnale inequivocabile che può dire molto: l’intensità dello sguardo. Se l’uomo continua a sostenere lo sguardo femminile è perché vuole conquistarla. Se, invece, preferisce distogliere lo sguardo, anche per timidezza, è perché l‘interesse non è abbastanza.

Gli occhi, però, non sono l’unica parte del corpo che tende a “comunicare”. Anche le sopracciglia lo fanno più che volentieri. Questi sono soggetti a dei movimenti involontari: se sono inarcate, è perché è curioso. Se, d’altro canto, restano piatte è perché la donna che ha di fronte non è interessante abbastanza. Qualora le sopracciglia si sollevassero la donna potrebbe essere orgogliosa di sé: ha impressionato l’uomo.

L’uomo dimostra interesse anche se si tocca il viso, in particolare le labbra, il mento, le guance. Più è sensibile la zona toccata e più interesse c’è. Il corpo dell’uomo si esprime attraverso anche la postura. Più è rilassata e più si sente a proprio agio con la donna. Questo significa che è sicuro di sé e che è in grado di gestire autonomamente la situazione. Se accavalla le gambe, è perché tendere a chiudersi. D’altro canto, se apre le gambe, è perché vuole aprirsi alla donna di fronte. Oltre allo sguardo intenso con cui l’uomo cerca di “guardare dentro” alla donna, gli uomini tendono anche a rispettare molto le distanze. Distanze che con il tempo diminuiscono mostrando l’interesse maschile per la donna. La donna, però, deve anche vedere i movimenti che l’uomo fa con le mani. Infine è da notare se l’uomo fa dei gesti con le mani o si tocca i capelli o la barba. In questo modo egli cerca di attirarsi le attenzioni della donna, farsi notare.

A differenza dei segnali del corpo maschili, i segnali femminili sono più docili, eleganti, gentili. Una donna, per esempio, può prendere un oggetto per usarlo come scudo e mostrare così all’uomo la propria chiusura. Non importa cosa sia: un bicchiere, una borsa, un piatto… Se questo succede in un dialogo con un uomo è perché alla donna non piace qualcosa. Un discorso simile vale per quanto riguarda le braccia incrociate: non le piace qualcosa. Oltre al solito blocco delle braccia incrociate la donna potrebbe portare un braccio dietro la schiena oppure metterlo davanti a sé: in entrambi i casi la cosa indicherebbe un leggero fastidio.

Un classico della gestualità femminile sono le gambe accavallate. Queste stanno a indicare il forte interesse femminile rivolto all’uomo che si trova nella direzione delle gambe accavallate. Si tratta di un gesto sensuale da non sottovalutare! Potrebbe anche succede che la donna si tolga una scarpa. Questo significa che è molto interessata all’uomo e si sente a proprio agio con lui. Non a caso sono due gesti molto eloquenti! Un gesto simile è quello di scoprire il collo, in quanto quest’ultimo è una delle parti femminili più esposte ed erogene. Pertanto se la donna espone il collo all’uomo significa che lo sta invitando a fare di più. C’è anche un altro modo femminile per mostrare il proprio grande interesse: quello di scostarsi i capelli dalla testa, sventolandoli all’indietro.

Però ci sono anche dei segnali negativi, come quello di tenere la testa appoggiata alla propria mano. Questo gesto significa che la donna è annoiata dal discorso maschile e vorrebbe andarsene.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here