SHARE

Ormai da diverse estati i sandali bassi rappresentano un must-have, non solo per il loro stile cool ma anche per la comodità che garantiscono, soprattutto nelle giornate più calde. La loro conformazione particolare, però, richiede di seguire alcuni accorgimenti per indossarli evitando che la figura sia troppo schiacciata. Vediamo, allora, come calzare sia di giorno che di sera il must have dell’estate: i sandali flat.

Curare i piedi

Può sembrare superfluo metterlo in evidenza, ma è sempre opportuno ribadirlo: se si prende la decisione di indossare i sandali bassi, ci si deve assicurare di poterselo permettere. Fuori dai giri di parole, ciò significa che è indispensabile avere dei piedi curati, perché nessuna donna può mostrare con orgoglio calli o unghie rotte. Basta un filo di smalto per ottenere un risultato più che apprezzabile, mentre per valorizzare il piede nella sua interezza è sufficiente una cavigliera sonante, capace di impreziosire la figura. Dopodiché ci si può concentrare sul resto del look.

Quali sono gli abbinamenti migliori per i sandali flat: lo stile vintage

Nel caso in cui si abbia in mente di accostare i sandali flat a un outfit vintage, ci si può lasciar ispirare dai look degli anni ’60 e degli anni ’70, per esempio facendo affidamento sulle frange. Non è difficile al giorno d’oggi trovare, sia nei punti vendita tradizionali che negli e-commerce, sandali bassi dotati di intarsi scamosciati e messi in evidenza da frange e perline dagli effetti decorativi. In questo modo, si può dare vita a un mook hippie che, al tempo stesso, viene reinterpretato in un’ottica attuale e, soprattutto, originale, all’insegna della massima vivacità.

Un look raffinato

I sandali bassi si adattano anche ai gusti e alle esigenze di chi ha voglia di un look elegante e raffinato, se non addirittura sofisticato: ecco, quindi, un possibile abbinamento con un tailleur avvitato, che anche durante la stagione estiva ha il suo perché. Una soluzione di questo tipo è perfetta per le donne che non si rassegnano a seguire in maniera passiva le mode ma, anzi, desiderano dettare in prima persona le tendenze. Un sandalo black and white, o al massimo bianco in tinta unita, è un classico grazie a cui non si corre il rischio di sbagliarsi; da privilegiare sono i modelli dotati di una fascia larga in corrispondenza delle dita e che presentano, attorno alla caviglia, un cinturino che può essere doppio o singolo, a seconda delle preferenze.

Gli outfit più sbarazzini

Le ragazze più giovani e le adolescenti possono trovare, nei sandali flat, dei validi alleati per la loro bellezza e per sentirsi a proprio agio anche nella bella stagione. I tipi più sbarazzini possono propendere, allora, per un modello alla schiava, con una ricca possibilità di scelta per quel che concerne le tonalità cromatiche: dal miele al color cuoio, non ci sono limiti alla fantasia, fermo restando che bronzo e oro sono ideali quando si ha la necessità di un tocco più brillante. Se con l’arrivo del caldo il guardaroba si riempie di abiti freschi, i sandali bassi sono ciò di cui si ha bisogno per mostrarsi fashion e mai banali.

I pantaloni

Non è detto che i sandali senza tacco si possano indossare solo con gonne o abiti corti: anche le amanti di pantaloni morbidi con polsino e jumpsuit sportive hanno l’opportunità di esaudire i propri desideri di bellezza con delle Birkenstock, classici su cui non tramonta mai il sole. Come rinunciare, poi, ai modelli infradito? Ovviamente, in questo caso è indispensabile – come si accennava in precedenza – prestare attenzione alla cura e alla bellezza dei propri piedi. Il consiglio è quello di puntare su un sandalo flat gioiello, con cui accompagnare un paio di shorts. Provare per credere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here